Tethering, Android e Linux

Considerato il prolungarsi dello stato digital-divided a casa, mi sono finalmente deciso a testare la connessione Internet tramite il mio fido HTC Magic.
Le guide in rete sono svariate, ma purtroppo danno troppo spesso per scontato che uno abbia Windows nel proprio PC, tralasciando Linux e OSX. Ma fortunatamente qualche anima pia esiste, ed ora, infatti, scrivo questo post usando l’HTC per connettermi alla rete.

Ecco come ho fatto.

Prerequisiti:

* un telefono con Android (HTC Magic qui, non so se per gli altri è uguale);
* un buon piano dati, per evitare brutte sorprese;
* il cavetto USB per collegare il telefono al PC;
* il pacchetto openvpn installato sul PC;
* l’Android SDK installato sul PC, giusto per avere a disposizione adb (Android Debug Shell);
* il file azilink.ovpn salvato da qualche parte nell’HD del PC;
* il file /etc/udev/rules.d/51-android.rules, con i giusti permessi di esecuzione (a+rx), e contenente:

SUBSYSTEM=="usb", SYSFS{idVendor}=="0bb4", MODE="0666"

* l’aggiunta di

nameserver 192.168.56.1

al file /etc/resolv.conf;

Ora ci spostiamo sul telefono:

* abilitare il debugging tramite porta USB (Impostazioni->Applicazioni->Sviluppo);
* installare Azilink da qui;

Partiamo (legenda: P == PC, T == Telefono):

* colleghiamo T a P;
* P: nella shell, adb forward tcp:41927 tcp:41927;
* T: avviare Azilink e attivare il servizio; lo stato di Azlink mostrerà Waiting for connection;
* P: nella shell, sudo openvpn azilink.ovpn, ovviamente verificando il path del file azilink.ovpn, e lasciando il terminale attivo;
* T: lo status di Azilink passerà a Connected to host;
* aprire il browser e godere della nuova connessione alla rete;

Per connettersi successivamente, questi i passi necessari:

* abilitare il debug USB sul telefono;
* avviare Azilink sul telefono, e attivarne il servizio;
* verificare sul PC che il file /etc/resolv.conf contenga la riga aggiunta, è possibile che il file in questione venga rigenerato da programmi esterni, come il Network Manager, ad esempio;
* eseguire sul PC adb forward tcp:41927 tcp:41927;
* collegare il telefono al PC;
* eseguire sul PC sudo openvpn azilink.ovpn;

e si dovrebbe essere in grado di connettersi alla rete nuovamente.

Un poco macchinoso, indubbiamente, e probabilmente semplificabile tramite un qualche script, ma garantito funzionante!

La fonte originale dalla quale ho tratto le informazioni è questa.

Alla prox

[tags]android, ubuntu, tethering[/tags]

Categorie

Archivi

One Comment

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.