La bici

Qualche giorno ho sentito passare, in radio, lo spot dell’ormai imminente Giro d’Italia 2010. Una musica forte, incalzante, che mi ha fatto pensare ad epiche battaglie, a guerrieri d’altri tempi; musica che accompagnava un racconto fatto di fatica e soddisfazione, rischi e successi. Bellissima, secondo il mio parere. Complici le belle giornate, mi e’ tornata in mente la mia bici da corsa, appesa al muro della vecchia casa, e mai piu’ usata in questa nuova vita. Non ho mai avuto velleita’ agonistiche, nonostante facessi parte di un gruppo ciclistico rinomato per le uscite, diciamo cosi’, abbastanza impegnative. Ho preso parte a cinque Granfondo, se non ricordo male, tre Novecolli [Cesenatico], un Giro della Romagna [Lugo] e una Granfondo Selle Italia [Cervia], ma sempre con lo spirito della scampagnata e della pedalata per divertimento. La gara, ad essere onesti, c’era, ed era una di quelle piu’ difficili, quella con me stesso. Ho sentito forte la sensazione [e l’ebbrezza] del pericolo facendo discese a quasi 80km/h, ho sudato e imprecato [e a volte son sceso dalla bici] arrampicandomi lungo salite al 18%, mi sono sentito orgoglioso e soddisfatto tirando un gruppo per decine e decine di chilometri. Sforzi, emozioni forti, ma niente al confronto della sensazione provata passando sotto all’arco gonfiabile che rappresentava il traguardo della Novecolli; le transenne, la gente dietro che applaudiva con affetto, sconosciuti che comunque apprezzavano e rendevano un piccolo tributo allo sforzo che avevo fatto. Tre volte sono passato attraverso quel traguardo, per tre volte mi sono commosso fino alle lacrime, lo dico senza vergogna. Questa e’ per me la bici, e sinceramente un poco comincia a mancarmi.

Alla prox

PS: gia’ che ci sono, buon Primo Maggio a tutti.

[tags]ciclismo[/tags]

Categorie

Archivi

2 Comments

  1. 2 maggio 2010

    Hai tutta la mia stima, il ciclismo è uno sport da eroi, anche se si fanno le scampagnate o se si interpreta il ruolo del gregario. Anche io ho tanta voglia di rimettere in sesto la bici da corsa, anche se non ho mai percorso più di 60 km in un giorno.

    • mcalamelli
      3 maggio 2010

      Grazie :)

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.