Ricordi (via A Chiare Lettere)

Quindi decisi di mandarmi un messaggio, io piccola, a me adulta. Decisi di mandare in memoria quel pensiero, mentre lo pensavo da piccola, affinché potessi rivederlo intatto tra venti, trenta, quarant’anni. Mi misi a guardare bene fuori dal finestrino, assimilando tutti i dati con gli occhi, per registrarli nella memoria, e immaginavo la me adulta che mi avrebbe guardato. Mi chiedevo se sarebbe stata orgogliosa di me, o mi avrebbe deriso per quel ricordo che le stavo mandando, essendo io piccola e lei ormai adulta.

Non so se è perché sono alle prese con Lost, e quindi mentalmente più sensibile al tema dei salti temporali, ma trovo che questa cosa qui sia bellissima.

Categorie

Archivi

Comments are closed.