Deeper and deeper

L’uomo si appoggia alla sedia, affaticato, e contempla rassegnato il lavoro appena concluso. Il terriccio tolto e rimesso si distingue a malapena dal resto del fazzoletto di terra, ma lui sa bene dove dovrà tornare a scavare. Ha preso due o tre cose, le ha avvolte con cura in un panno, le ha messe in un contenitore di metallo, in modo che il tempo non le rovini, e le ha seppellite sotto terra. Come si aspettava, non prova nessun sollievo, ché non si è tolto un peso; prova invece un forte senso di vuoto per aver messo da parte quei pezzi di sé, in attesa di quel momento giusto che un giorno arriverà.

One thought on “Deeper and deeper”

Comments are closed.