I racconti della casa nuova – Il trasloco

La luce, fuori, si sta facendo più bassa.
Le casse passano un pezzo dei Cure, Lullaby per la precisione, selezionato casualmente dallo shuffle dello smartphone.
Sono seduto sul bordo del letto, alternando la scrittura di questo post con i tiri ad una sigaretta.
Qui di fianco, tra me e l’angolo del materasso, una bustina piccola, viola, con un nastro viola più chiaro e pois bianchi, e un post-it rosa, fermato da quattro pezzi di scotch, uno per lato.
La scritta sopra, scolorita dal bagnato, non ho bisogno di leggerla.
La prendo e la rimetto dov’era prima, nell’altra casa, in un comò, nel cassetto in alto, solo che ora è nella casa nuova, nell’armadio.
È talmente tanta l’importanza che do ai ricordi, che mi è impossibile liberarmi di queste cose, anche se a volte si trasformano in lame ricoperte di sale.
E tagliano, bruciano.

Scritto con WordPress per Android

Categorie

Archivi

One Comment

  1. 19 luglio 2013

    Io ho una scatola in cui tengo quei tesori.
    La scatola mi ha seguito nelle mie peregrinazioni.
    E la apro solamente per aggiungere un nuovo ricordo.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.