Due parole su Parigi

C’è quella sensazione di sgomento, di assenza improvvisa di terreno sotto i piedi, quel senso di passività che ti prende quando vedi un simbolo sgretolarsi, la Storia sparire; mi sale il ricordo delle statue dei Buddha in Afghanistan, le Torri Gemelle, il Vecchio Ponte a Mostar, simboli che erano e che non sono più. Non ci si può fare nulla, se non serbarne la traccia, il ricordo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: