Almeno secondo l’AVIS Emilia Romagna.

Mi hanno mandato una lettera dove mi si da la possibilità, in quanto donatore, di aderire alla campagna di vaccinazione contro l’influenza H1N1; nel dettaglio, il Ministero della Salute e le Regioni hanno concordato un piano di vaccinazione specifica sia per le categorie a rischio (bambini, donne in stato di gravidanza, etc) sia per le categorie socialmente utili ed indispensabili, tra le quali è inclusa quella dei donatori.

Avevo escluso qualsiasi vaccinazione (come ho sempre fatto), e dopo uno scambio di parole con la segreteria AVIS di Cesenatico, che mi ha confermato si la disponibilità ma ha lasciato comunque la scelta a me, ho deciso di seguire il trend degli anni scorsi, e lasciare la mia dose di vaccino a qualcun altro.

Chiudendo, riconosco che fa molto figo sentirsi socialmente utili ed indispensabili, ho aggiunto un sacco di punti karma ;)

Alla prox

[tags]avis, h1n1[/tags]